Occhio agli pneumatici, da Novembre super multe da 300 euro

2438327 Gomme Termiche

Occhio agli pneumatici, da Novembre super multe da 300 euro

Con il caldo intenso ormai passato (nonostante il meteo bizzarro di questa estate) e la mente che ancora stenta a tornare dalle ferie, potrebbe sembrare un controsenso pensare al freddo dell’inverno e al cambio degli pneumatici… eppure, gli ultimi inverni “anticipati” ci hanno insegnato che può essere rischioso ridursi all’ultimo momento per montare le gomme termiche, aspettando che arrivino le prime intense nevicate o che partano le varie ordinanze di enti locali o gestori di strade e autostrade.

A livello normativo, bisogna ricordare che secondo la Direttiva Ministeriale del 16 gennaio 2013, che ha messo ordine nella “giungla” di regolamenti differenti e specifici, la circolazione con gomme invernali è obbligatoria in determinate zone dal 15 novembre al 15 aprile, con un periodo di proroga di un mese, terminato il quale bisogna tornare alle gomme “regolari”, pena anche pesanti sanzioni, di oltre mille euro, per chi continua a montare gomme di tipo M+S, Mud+Snow, specifiche per l’inverno, che hanno un codice di velocità inferiore a quanto indicato sulla carta di circolazione.

Il più banale è”, forse, è quello che tocca le tasche in caso di controllo da parte della Polizia Stradale che accerti l’illecito: circolare senza gomme termiche o catene da neve a bordo nelle strade in cui ciò è prescritto e per i periodi indicati, comporta infatti una sanzione pecuniaria amministrativa che va da 39,00 a 318,00 a seconda di infrazioni commesse dentro o fuori i centri abitati.

Ma oltre a regolamenti, multe e obblighi di legge, si tratta innanzitutto di una questione di sicurezza, a vantaggio sia di chi è alla guida che delle altre persone che circolano sulla strada: gli pneumatici invernali, infatti, hanno un grip migliore rispetto a quelli estivi, che comporta maggiore e migliore presa su fondi bagnati o ghiacciati tipici dei periodi freddi, nonché riduzione degli spazi di frenata e, in generale, una migliore tenuta di strada in qualsiasi condizione atmosferica.

A temperature elevate, infatti, gli pneumatici invernali hanno performance peggiori, hanno uno spazio di frenata che aumenta del 25% sull’asfalto asciutto e del 18% su quello bagnato rispetto a quelli estivi (esattamente il comportamento contrario di quello con clima più freddo, ovviamente).

Lascia un Commento